La parola che attendo

Tu dimmi una parola, dimmi
quella che attendo
attenta a non fraintendere.

Dimmi soltanto quella
quella che voglio udire
e che non sento.

Dimmela, la parola che voglio
una parola sola, spiraglio
di futuro e grata sul passato.

Quale? Quale parola?
Quella che non ho inteso
che non mi hai detto, mai.

*

(Passava dalle mie parti e l’ho abbracciata. Piangeva, così le ho asciugato le lacrime con le mani, avevo soltanto quelle. Mi ha sorriso a labbra chiuse. Poi mi girava intorno, perdeva tempo, finché l’ho scritta… )

scrivi.com

(23 luglio 2003)

Che cosa ci sta succedendo?

Che cosa ci sta succedendo
che andiamo straniti
fingendo una vita sbagliata?

Succede che esisti tu solo
mi tieni in un pugno, serrata
– non volo, non voglio!

Se torni mi spoglio di me
son pelle, saliva, sudore
son naso che annusa.

E sono le mani che intreccio
la lingua che avida lecco
la bocca che succhio.

E sono la danza – le dita
che frugano dentro
e sono respiro e piacere.

Vestita di te vado in giro
stupita da questo silenzio
che attonito grida stanotte

– Che cosa ci sta succedendo?

I passi che uniscono

Li conti, i passi che ti avvicinano
al trolley e al sacco da spalla
i passi che uniscono, li conti?

Peregrinando
………………su corsie arroventate

li conti, i giri del motore
i cruciverba risolti nell’attesa
le pause ad occhi chiusi
gli aerei che atterrano
le soste al bar /un tramezzino e scappi /
i cartelli che prepari la sera
i bagagli che trascini al furgone
li conti? I passeggeri che fotografi
le storie che transitano sui sedili
le mance che sconfinano
la stanchezza che accumuli, li conti?

Ecco, sono già pronti al decollo
i sandali rossi. I passi dell’amore
in arrivo, i passi che uniscono

li conti?

(poesia di luglio)

di(s)conosciuta

*

E dimmi: dove andiamo noi due

che ci lasciamo – per finta, per nostalgia –
distrarre da un sorriso sbarazzino
però in fondo sappiamo che

non c’è strada, non c’è sentiero al mondo
che possa ricondurci alla magia di un aprile
quando una notte sussurravi
– di desiderio, ricordi?

Quando avida ti ascoltavo
e mai
ti avrei lasciato
– mai –
allontanare.

E dimmi: perché adesso mi graffia

questa musica che si strugge di te e di me
che ce ne andiamo in direzioni opposte
– di me che riparto da qui, di te
che svanisci chissà dove
 amore mio mon amour –

questa musica che mi fa piangere
e mi riporta alla vita
intanto che mi uccide?

*

gennaio 2007

Nessun addio è per sempre

La sposa di Chagall mi ha sorriso ammiccando
dalle pagine di un libro di storia dell’arte
Presto, mi ha detto, ti sto aspettando
afferra l’altra mano dell’uomo mio
ché insieme lo tiriamo un po’ su
Monto in groppa a cavalli annegati di rosso
e vengo, le ho fatto E lei è volata più in alto
come sospinta dal calore di un pensiero improvviso
Posso aspettarti per l’eternità, ma tu sei già qui
lo sai

*
Ad Amsterdam c’era il mondo di Andersen
sotto un portico, nel suono di fiaba di un flauto
traverso che lasciava scie indelebili sulla pelle
C’era Anna Frank con me quella mattina
a rammentare che i divi di Hollywood
non sanno nulla di nerofumo e di camini
quando i corvi di Van Gogh hanno riso di nero
aprendosi alla nuda follia di uno sguardo
mentre in strada un italiano mentiva di leoni
per cuccare turiste, e ad Homolulu una donna
coi baffi baciava una donna senza baffi

A Volendam abbiamo passeggiato e tu non c’eri
tra i cigni indifferenti e le tendine di pizzo
e i gerani riflessi nei canali Avrei voluto dirti
di quel mondo pulito, forse te l’ho raccontato
in cartoline mai spedite E tu eri seduto mi pare
ad ascoltare, all’ombra di un carrubo.

*

Poi la spiaggia di Bournemouth mi ha taciuto
di tunnel sotto la Manica e rotaie, e il parco
cittadino mi ha concesso una sdraio e il gaio
chiacchiericcio che fanno le bande nelle rare
soleggiate domeniche di luglio inglesi
A Land’s End ho visto tramontare il sole
e tu eri con me, sconosciuto, nella voce
di un artista di strada che suonava hey,
mister Tambourine Man! E a Londra
la National Gallery non voleva cedermi
ai tubes metropolitani, io non volevo andar via
ma i percorsi mi irretiscono e stabilivo rotte
Era tutto uno stridere di tacchi e di occhi nei viali
di periferia, era la solitudine tra la folla, il piacere
di sentirsi invisibili Ma ci ho ritrovato un amico
che già mi aveva scritto Sayonara su un pezzo di carta
azzurro, e ci aveva deposto un piccolo fiore giallo
Credevo che non ci saremmo più rivisti, sai?

Allora ho capito che nessun addio è per sempre

***

I giochi di luce della cattedrale di Strasburgo
li ho conservati nel petto con le bambole di pezza
esposte nelle vetrine di una Metz che non ricordo
E un piccolo cimitero nel Beaujolais, un fazzoletto
di croci alla sommità di una collina, ha reso grazie
alla vita Ci sono entrata in silenzio, non ho fatto altro
che tirare un lucchetto. Seppelliscimi qui ho pensato
dove all’ingresso del paese il pisciatoio ricorda
che il vino rosso fa buon sangue, come ben
sanno i visitatori delle caves Le onde dei vigneti
mi hanno mostrato orizzonti a perdifiato, e tu eri
oltre ogni orizzonte, a mangiar pane e noci
Chissà se crepitava la fiamma del camino, chissà
se tu ignoravi ancora di esistere o esistevi

Ma prima la Monnalisa mi ha parlato di sé, al Louvre
e non ha più segreti adesso quella strana donna
Mi ha sussurrato che le somiglio tanto nella leggerezza
dell’ironia come nella sapienza dell’attesa, che un folle
ci spiccherà dalla tela prima o dopo E ad Avignone
Palazzo dei Papi, l’uomo che pensa di Rodin
mi ha detto che pensavo i suoi pensieri
Gli ho fatto una carezza sulla mano, in silenzio
e non ho avuto alcun dubbio che avesse ragione

Era a te che pensavo, senza sapere di te

***

Quanno po’ scura notte

Quanno po’ scura notte, vène ’Ammaore
a te fa’ larghe ‘i vvaéne, stróitto ‘u core
e nun ce stanno sante, nun se fanno
scummesse cu Jóisso, si vène sguasïànno
a tte magnà’ ’i penziére.

Che bell’addore tenene ‘st ‘i mmane allaora,
e che bellu culóure, chesta faccia,
e che bell’uocchie chiuse ‘Ammore vasa,
rint’ ’a nuttata quanno
te vène ’nzuonno.

E nun fa niente si è tutto ’nu ’mbruoglio
si rire sóulo pecché è ’a sera bbona
e si ggià ’u ssajie ca po’ te lassa saola
e se ne va accussóì, comm’è bbeneuto.

Pirciò, stamme a ssentóì, nun me scetà,
si pure fusse tutta ‘na strunzata
si pure fusse sbaglio;
e famme muri’ ’i voglia stanotte,
stretta cu tte cchiù stretta ‘i ‘na cataena,
‘nzerrata a chesta voce che m’addorme,
chiano …

Voglio resta’ accussóì, cu niente ’a saotto,
cu ‘i mman’ apèrte e ’u core ca me sbatte,
pe’ tutt’ ’u tiempo ca sguasïànno vène

’Ammaore, ‘u sole móije, c’ ’a voce tòja.

 

Traduzione:

Quando poi fa notte, viene l’Amore
a farti larghe le vene, stretto il cuore
e non ci sono santi, non si fanno
scommesse con Lui, se arriva ridendo
a mangiarti i pensieri.

Che bell’odore hanno queste mani allora,
e che bel colorito questa faccia,
e che begli occhi chiusi l’ Amore bacia,
tutte le notti quando
ti viene in sogno.

E non fa niente se è tutto un imbroglio
se ride solo perché è la serata giusta
e se già sai che poi ti lascerà sola
e se ne andrà così, com’è venuto.

Perciò, da’ retta, non svegliarmi,
se pure fosse tutta una stronzata,
se pure fosse sbaglio;
e fammi morire di voglia, stanotte,
stretta più stretta a te di una catena
serrata a questa voce che mi addormenta,
piano…

Voglio restare così, con niente sotto,
con le mani aperte e il cuore che mi batte
per tutto il tempo che ridendo viene

l’Amore, il sole mio, con la tua voce.