Quanno po’ scura notte

Quanno po’ scura notte, vène ’Ammaore
a te fa’ larghe ‘i vvaéne, stróitto ‘u core
e nun ce stanno sante, nun se fanno
scummesse cu Jóisso, si vène sguasïànno
a tte magnà’ ’i penziére.

Che bell’addore tenene ‘st ‘i mmane allaora,
e che bellu culóure, chesta faccia,
e che bell’uocchie chiuse ‘Ammore vasa,
rint’ ’a nuttata quanno
te vène ’nzuonno.

E nun fa niente si è tutto ’nu ’mbruoglio
si rire sóulo pecché è ’a sera bbona
e si ggià ’u ssajie ca po’ te lassa saola
e se ne va accussóì, comm’è bbeneuto.

Pirciò, stamme a ssentóì, nun me scetà,
si pure fusse tutta ‘na strunzata
si pure fusse sbaglio;
e famme muri’ ’i voglia stanotte,
stretta cu tte cchiù stretta ‘i ‘na cataena,
‘nzerrata a chesta voce che m’addorme,
chiano …

Voglio resta’ accussóì, cu niente ’a saotto,
cu ‘i mman’ apèrte e ’u core ca me sbatte,
pe’ tutt’ ’u tiempo ca sguasïànno vène

’Ammaore, ‘u sole móije, c’ ’a voce tòja.

 

Traduzione:

Quando poi fa notte, viene l’Amore
a farti larghe le vene, stretto il cuore
e non ci sono santi, non si fanno
scommesse con Lui, se arriva ridendo
a mangiarti i pensieri.

Che bell’odore hanno queste mani allora,
e che bel colorito questa faccia,
e che begli occhi chiusi l’ Amore bacia,
tutte le notti quando
ti viene in sogno.

E non fa niente se è tutto un imbroglio
se ride solo perché è la serata giusta
e se già sai che poi ti lascerà sola
e se ne andrà così, com’è venuto.

Perciò, da’ retta, non svegliarmi,
se pure fosse tutta una stronzata,
se pure fosse sbaglio;
e fammi morire di voglia, stanotte,
stretta più stretta a te di una catena
serrata a questa voce che mi addormenta,
piano…

Voglio restare così, con niente sotto,
con le mani aperte e il cuore che mi batte
per tutto il tempo che ridendo viene

l’Amore, il sole mio, con la tua voce.

Annunci