5. Ognuno nasce con un nome già scritto addosso.

Ognuno nasce con un nome già scritto addosso, pure se non lo sa.

Continua a leggere

Annunci

4. Il nome di Vicienzo lo vede, il mare.

-Zi’ Filumè’ …ma pecché ve chiammeno Sarachèlla?
-Eh, pecché …T’avess’ ‘a cuntà’ ‘na storia longa, Maruzzè’…Ma tu nun tieni suonno? E mammeta, comm’è ca nun te chiamma ancora?
-E’ andata dalla cummara Adelina a vedere la puntata alla televisione.
-E sòreta grossa addò’ sta?
-Sta facendo cumpagnia a ‘Ngelinella …

Continua a leggere

3. Zi’ Filumena, Sarachèlla coi baffi

Zi’ Filumena, la più giovane delle tre sorelle, era secca come una mazza di scopa e stizzosa come una janàra. Come aggiunta, teneva pure i baffi!
Pur non avendo avuto figli da Gennarino, che l’aveva lasciata vedova da almeno dieci anni, zi’ Filumena non era sola. Si era infatti cresciuta -come fosse figlia sua- Mamèla, una delle figlie di sua sorella Teresina. E, prima di morire a soli quarant’anni, Mamèla le aveva sfornato dieci pronipoti, tre dei quali femmine, che la veneravano come fosse la nonna carnale. Continua a leggere