In parata

Ecco che arrivano

sfilano arrese
come armate cenciose
prigioniere di un dolore
che non ha voce o nome

e lente  avanzano
sbranate dall’indifferenza
consunte da fame e sete
gelate di solitudine

nuovamente umiliate
le parole

e non sanno che dire

Annunci