Primavera a Largo del Rosso

Primavera

 

 

Dolce, questo pomeriggio che muore

di luce diffusa, tra bambini che giocano
e colombi che ancora strappano tralci al glicine.

Dolce, questa primavera che bevo tra vecchie

pietre. Che ascolto, che odoro senza vedere

null’altro che un pezzo di cielo.

Qui, non sono mai venute le rondini
e non fioriscono i mandorli: sbocciano,

nelle crepe dei muri, piccoli fiori senza gloria.
 
Ma corrono felici i bambini, tra gente che lavora

e parla, e sorride. Ed è primavera, ugualmente.

(1977)

Annunci

2 pensieri su “Primavera a Largo del Rosso

  1. quanta poesia non pensavo che nella frenesia di questa vita caotica, anonima ed insensibile si nascondesse un\’anima come questa. Questa scoperta mette ottimimismo e piacere di vvere la vita di sognare.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...